Convenzione con la Regione Umbria per l’affidamento del Catasto Speleologico dell’Umbria

La Regione dell’Umbria ha deliberato di affidare la gestione del Catasto Speleologico dell’Umbria alla Federazione Umbra Gruppi Speleologici.
E’ stato emozionante raggiungere uno scopo che tanto abbiamo desiderato e che, ne sono certa, riporterà la speleologia umbra agli antichi splendori.

E’ un atto di fiducia credo pienamente meritato perché, pur nell’ombra, tanto si è fatto in questi ultimi anni.
La Convenzione è stata stipulata per cinque anni, a decorrere dal 1° luglio 2010. I locali saranno quelli della sede del Gruppo speleo di Perugia.

Questa Convenzione ci permetterà di collaborare ancor più con le altre realtà regionali e in Settembre ci riuniremo per definire la collaborazione con il WISH Catasto Nazionale.

Prima di congedarci vorrei ricordare che questo autorevole riconoscimento è sicuramente la somma di tanti sforzi e di tanti amici.
Per primi sicuramente vanno menzionati i quadri della SSI e soprattutto il suo Presidente Giampiero Marchesi e la vice presidente MAUI per l’appoggio e le consulenze che via via ci hanno concesso.
A Stefano Notari, Presidente Regionale del CAI, va il nostro ringraziamento per la fiducia incondizionata che ci ha saputo offrire e per la volontà di organizzare finalmente un Organo Tecnico Periferico Operativo anche in Umbria.

Ovviamente tutto questo non sarebbe stato possibile senza il contributo di tutti i gruppi, Presidenti in testa (organizzatori di campi etc), che hanno dato linfa a tutto questo meccanismo che mi pare ormai ben oliato e pronto per sfide sempre più alte.

E non potrei dimenticarmi del nostro comune amico Andrea Scatolini e della sua super consulente Annalisa Basili i quali, animati dal fuoco sacro della Scintilena, hanno illuminato il nostro cammino, rendendo tutto un gioco che è valso la pena giocare.

Ringrazio TUTTI TUTTI

Letizia

Il futuro appartiene a coloro che credono alla bellezza dei propri sogni.
Eleanor Roosevelt

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia una risposta